giovedì 15 febbraio 2024

TOP NOTIZIE (in collaborazione con AbruzzoLive.tv)

6. Montesilvano in lutto per la morte del ristoratore Carlo Chiola https://www.abruzzolive.tv/cronaca/morte-ristoratore-montesilvano-it34293.html
7. Vannacci 1
8. Vannacci 2
9. Palestina 1
10. Palestina 2
11. Morte Nino D'Annunzio 
13. Pooh a Pescara (usato per agenzia) 
19. A Sanremo sfila in prima serata la cravatta realizzata da un'azienda di Montesilvano https://www.abruzzolive.tv/cultura-spettacoli/mattia-sanga-blueitaly.html
20. Tentata truffa a Pescara ai danni di un anziano https://www.abruzzolive.tv/cronaca/tentata-truffa-pescara-anziano-it34969.html

Confindustria, appello di Mannetti alla vigilia dell'assemblea: la sede regionale resti all'Aquila

“Rivolgo un appello all’assemblea di Confindustria che si riunisce domani per deliberare il cambio della sede della rappresentanza regionale, ubicata all’Aquila sulla base di quanto previsto dall’art. 1 dello Statuto vigente approvato il 30 maggio 2022, affinché scongiuri il paventato spostamento a Pescara”. A rivolgerlo è Carla Mannetti, responsabile del dipartimento regionale trasporti della Lega, già dirigente della Regione Abruzzo e assessore al Comune dell’Aquila, candidata al Consiglio regionale. 

“Sono consapevole che Confindustria è una associazione di rappresentanza delle imprese e dei servizi e per questo libera dalle ingerenze politiche”, premette Mannetti, “però come recita lo Statuto all’art. 2 il suo scopo è quello di avere interlocuzione con le istituzioni regionali per tutte le aree tematiche assegnate alla sua competenza, in particolare rappresenta e tutela gli interessi del sistema associativo in tutte le materie assegnate alla competenza della Regione Abruzzo, esercita il coordinamento e promuove la condivisione di posizioni comuni sulle tematiche che hanno nella Regione Abruzzo l’interlocutore istituzionale, provvede all’informazione e alla consulenza relativamente alle materie di competenza legislativa e amministrativa regionale”. “La sede della Regione Abruzzo è L’Aquila”, ricorda Mannetti, “ed è per questo che all’epoca fu scelta come sede della rappresentanza proprio L’Aquila”. 

“Ora non si comprende per quale ragione oggi la sede debba essere spostata, è innegabile che la Confindustria Medio Adriatica è più forte per dimensioni, ma a maggior ragione la sorella Confindustria L’Aquila Abruzzo Interno deve essere tutelata e non mortificata”, fa osservare Mannetti. “Mi appello al buon senso di tutti i referenti di Confindustria che sono consapevoli delle problematiche delle aree interne e di quello che L’Aquila e i comuni del cratere sismico hanno subito in questi anni”, conclude. “L’Aquila sta piano piano rinascendo, le ferite profonde si stanno rimarginando e questo è un bene per il nostro territorio e per tutta la regione”.

sabato 8 luglio 2023

THE COAT CLUB PRESENTA GLI EVENTI DELL’ESTATE 2023, TRA GLI OSPITI IL CANTANTE DEI VIP ALESSANDRO RISTORI

Alessandro Ristori & The Portofinos, Papa Dj e il dj di Madonna Claudio De Tullio. Sono questi i tre super attesi ospiti che si esibiranno al The Coat Club nei prossimi giorni di luglio. Nato nel 2021 per mano di Elena e Gianni Tonon, il The Coat, più che un locale è un vero e proprio contenitore di sogni e viaggi in terre lontane. I due proprietari hanno infatti raccolto arredi, tessuti e suppellettili dai loro viaggi e li hanno mixati con oggetti di design per creare un luogo dove compiere un percorso gustativo unico. Il concept culinario di The Coat Club, ristorante e mixology bar, è espresso in un menù realizzato con ingredienti abruzzesi, lavorati con tecniche nipponiche, per offrire all’ospite sapori avvolgenti e confortevoli. Gianni Tonon è un imprenditore del mondo della moda, ha un’azienda di sartoria di lusso, che lavora con le maison più grandi, posta proprio al piano terra del locale.

Ma torniamo al calendario estivo che è stato illustrato da Gianni ed Elena alla stampa regionale. La prima data è il 9 luglio per il concerto di Alessandro Ristori &The Portofinos, il cantante vintage che si ispira a Elvis che ha stregato perfino il principe William e la famiglia Casiraghi.  Sempre accompagnato dalla sua band, The Portofinos, porta il suo show nei locali più glamour in giro per il mondo, dagli Stati Uniti all’Egitto, dalla Russia al Brasile. Si esibisce stabilmente a MontecarloLondraDubaiForte dei Marmi e Porto Cervo. Il live avrà inizio alle ore 23 preceduto per chi vuole dalla cena (https://www.ciaotickets.com/sq/biglietti/alessandro-ristori-and-portofinos). Ristori è stato ospite del The Coat già la scorsa estate, e anche questa volta sarà l’unica tappa abruzzese per l’eclettico performer.

Ristori sarà preceduto da Julia Overgivelse, dj/producer che vive attualmente in Italia. Cresciuta con la musica funky e dance degni anni ’80, desidera un mondo che si trasformi ogni giorno in una versione migliore attraverso la musica. A Roma suona in locali del calibro di Soho House, Naos, The Sanctuary, Balagan.

La seconda serata è per il 14 luglio con la partecipazione di Papa Dj che sarà preceduto da Dj Brahms, ambasciatore della prestigiosa casa discografica Cafe De Anatolia, che guiderà i presenti attraverso sonorità chill e deep provenienti dal Medio Oriente. Papa Dj è considerato oggi uno dei maggiori dj sul panorama internazionale. È dj resident del famosissimo Buddha Bar di Montecarlo. È curatore musicale e art director di “Buddha Bar”, uno tra i più raffinati e conosciuti programmi radiofonici europei, in onda su Radio Montecarlo. Papa Dj suona nei più prestigiosi club di tutto il mondo ed è riconosciuto come uno degli esponenti più apprezzati del genere Ethno-Beat.

Terza e ultima serata per questa estate 2023 è Claudio De Tullio, oltre ad essere resident dj a Borgo Egnazia, lo è anche al Club V di Las Vegas. Ha suonato a numerosi Party di Madonna e Louis Vuitton, nei private party Virgin con Richard Branson, e durante la Fashion week di Milano per il party in memoria di Gianni Versace. Ha collaborato con Vogue Japan, curando tutti i private party in Italia.

“Saranno le uniche tappe abruzzesi – ha detto Elena Berardi Tonon – per questi tre artisti, per noi è un orgoglio che abbiano scelto il The Coat. Io e Gianni cerchiamo di offrire ai nostri clienti sempre qualcosa di innovativo ed unico”.

Il ristorante è la prima delle strutture a marchio The Coat Club che quest’estate si arricchirà di un trabocco, si tratta del Trabocco Lupone a San Vito Chietino. “L’obiettivo è aprirlo entro l’estate – ha spiegato Gianni Tonon – ma non sarà il classico ristorante bensì un luogo, sempre in stile The Coat, con un’offerta differente dove poter fare un aperitivo di qualità”.

Dopo una maestosa scalinata, il The Coat si apre con un’ampia terrazza con una collezione di ulivi, potati a mo’ di bonsai poi si arriva di fronte un parallelepipedo in ferro e vetro fotocromatico. Il percorso si snoda dal bancone del bar, con il suo accogliente salottino, fino ai tavoli di design multicolore, impreziositi dalle stoviglie di Ginori che richiamano, nella raffigurazione, il tema del locale. “Siamo appassionati collezionisti – ha aggiunto Elena – e ogni dettaglio è accuratamente studiato e frutto del nostro amore per l’arte. Abbiamo pensato a questo locale come un cappotto, da qui il nome, che avvolgesse chiunque entra, caldo come il calore di una casa”.

In sala c’è il giovane Manuel Di Michele. A guidare la brigata c’è Mirco D’Amico, chef che si è formato su e giù per il mondo e che propone nei suoi piatti contaminazioni tra l’Abruzzo e l’Asia. A Milano nasce il suo amore per l’Oriente, anche viaggiando e formandosi in Giappone per imparare i segreti della tradizione gastronomica locale.

Il cocktail bar è curato da Tommaso Mauro. Capitato per caso nel mondo della mixology, dopo un corso di pasticceria per comprendere i principi chimici dietro alle preparazioni home-made, segue una serie di masterclass con personaggi illustri del settore del bartending, viaggiando per l’Europa. Nel 2015 approda all’Accademia del Jerry Thomas di Roma. Nei menù, dove oltre à la carte è possibile scegliere dei percorsi degustativi, si può fare l’abbinamento con i vini o con i cocktail.

“In Abruzzo non c’è nessun posto come il The Coat che è un locale che potrebbe trovarsi in qualsiasi parte del mondo. Qui non è semplice – conclude Gianni – proporre delle novità e alcune volte non ci sentiamo compresi. Questo è un progetto innovativo a 360 gradi, tra design, musica ed enogastronomia, noi ci crediamo e continueremo a lavorare per farlo conoscere”.

venerdì 9 giugno 2023

Il sindaco di Pescara Carlo Masci al Global Forum in Israele

Il sindaco di Pescara Carlo Masci parteciperà in Israele al Forum mondiale che si terrà a Tel Aviv da domenica 11 a giovedì 15 giugno, su invito pervenuto dall’American Jewish Committee. 

«L’AJC Global Forum è senza alcun dubbio una qualificata e prestigiosissima vetrina internazionale – così Masci – e prendervi parte è motivo di orgoglio per me ma soprattutto per Pescara, che in questi anni ha coltivato un rapporto sempre più intenso e proficuo con le comunità ebraiche. Vorrei ricordare che siamo l’unica città in Abruzzo e tra le prime nel Vecchio continente che danno un apporto di idee e di iniziative per la Giornata europea della cultura ebraica, che promuove manifestazioni storico-culturali di rilevanza nazionale per la Giornata della memoria, e che è stata protagonista di riconoscimenti dall’ampia eco mediatica e di apprezzata valenza morale come la cittadinanza onoraria alle vittime e ai sopravvissuti della Shoah, e alla Brigata Ebraica che combatté per la liberazione dell’Italia. 

Questo è stato possibile anche grazie al prezioso apporto di una persona straordinaria come Lisa Billig dell’AJC. In Israele avrò una serie di incontri con manager, dirigenti di servizi pubblici, esponenti del mondo economico, politici, sindaci e amministratori, su discorsi già avviati o di cui stiamo ponendo le basi. In prospettiva – conclude il sindaco – ci sono rapporti importanti di partnership, sullo sviluppo tecnologico, sui servizi e sulle più moderne innovazioni in materia ambientale, che avranno un proficua ricaduta su Pescara e sulla qualità della vita dei pescaresi, oltre che a rafforzare ai più alti livelli la nostra presenza nelle relazioni internazionali».

venerdì 12 maggio 2023

Chieti: rivoluzione digitale attraverso l’App SmartPA, ecco la situazione dopo due anni e mezzo

Da zero a oltre 13.000 istanze arrivate e lavorate attraverso l’App Smart PA in due anni e mezzo di amministrazione. Sono 9.231 le domande ricevute e gestite, ma molte di più quelle che la struttura dell’Ente ha operato, rispondendo alle istanze da e verso la cittadinanza attraverso le piattaforme di SmartPA, Transizione al digitale, Comunicazioni elettorali e CompraTeatino. L’Amministrazione Ferrara fa il punto sul processo di digitalizzazione portato avanti, stamane la conferenza stampa con il sindaco Diego Ferrara, l’assessore alle Politiche sociali Mara Maretti, il dirigente del Settore Andrea Lannutti, Maurizio Abbate e Antonio Velino, responsabile del settore Delivery di Smart PA e responsabile amministrativo della società “A Software Factory” che ne è motore. 


“Va chiarito che siamo partiti da zero – esordisce il sindaco Diego Ferrara, che ha la delega all’Innovazione digitale - abbiamo fatto un grande lavoro che è cominciato nel periodo peggiore, perché in piena emergenza covid. Il progetto è stato concepito come mezzo indispensabile per gestire il front office amministrazione-cittadini in modo finalmente moderno e veloce che abbiamo voluto avviare, direi anche abbastanza coraggiosamente, perché era una vera e propria rivoluzione. È iniziata a novembre 2020 con la distribuzione dei ristori alle famiglie e alle fasce più colpite dall’emergenza, quindi dei “nuovi” poveri o nuclei in difficoltà a causa dello stop imposto dal virus. È stato un bel salto, perché dal niente che abbiamo trovato, oggi sono attivi welfare, tributi, cultura e tempo libero, servizi demografici e finanziari, scuola, Polizia Municipale, bonus alimentari e un’interfaccia per segnalazioni, notizie e sondaggi. Un percorso che abbiamo aperto e che ha fatto tanti passi, ma che vogliamo convintamente portare avanti perché si tratta di servizi innovativi, che fanno risparmiare l’Ente e i cittadini e portano trasparenza ed equità, perché sono alla portata di tutti e riguardano tutti. Ringrazio tutta la struttura comunale che ha lavorato alacremente per questo e la cittadinanza che ha seguito questo viatico, si è affidata, relazionandosi con gli uffici e riducendo proteste o rimostranze davvero al minimo. È un cammino necessario, perché la macchina amministrativa funziona meglio e in modo più efficiente e moderno. Lo sportello digitale da noi promosso sarà a breve integrato anche da un nuovo sito che avrà una modalità più innovativa e performante. Un’azione che ha generato anche un risparmio di 5.000 euro e un incremento certo di entrate per il Comune pari a 270.000 euro”.

 

“Un percorso di modernizzazione che oltre alla dematerializzazione del rapporto con la cittadinanza, ci consente di essere un’Amministrazione più trasparente – aggiunge l’assessore alle Politiche Sociali Mara Maretti – Dall’App si può accedere a tutte le informazioni dell’albo pretorio, ci consente di rendere più semplici i rapporti con la comunità e anche una maggiore trasparenza, nonché servizi e incassi immediati per l’Ente. Un’azione condotta in modo incisivo sul fronte delle Politiche sociali, da cui il cammino è partito attraverso i buoni spesa e buoni acquisto per le famiglie e le imprese: abbiamo dematerializzato tutte le istanze e le attiviamo mano a mano secondo gli avvisi e abbiamo più del 50 per cento dell’intero ammontare delle domande operativo attraverso l’App. Un percorso di adeguamento importante anche da parte della struttura, formata per rendere tutto il procedimento più rapido, efficiente e trasparente e avere anche i primi archivi, per di più digitalizzati. Molto c’è ancora da fare per quanto riguarda l’accesso tramite Spid e CIE, ma siamo al lavoro e con aggiornamenti continui, sul fronte della contribuzione alla spesa sociale approvata con il piano sociale distrettuale, si paga in base all’ISEE con certezza delle entrate. Accanto a un’opera di formazione diretta dell’Ente e dell’utenza, abbiamo educato anche attivamente le fasce più sensibili, come i nonni digitali, con corsi di formazione che prevedono anche l’utilizzo dell’App”.

 

“Una delle applicazioni più rispondenti è stata quella della mensa, attraverso l’App ci occupiamo del servizio di ristorazione a cui l’utenza ha dato una risposta imponente e importante: 1.202 ruoli che coinvolgono circa 2000 bambini che usano il servizio, pasti, addebiti, ricarica – aggiunge l’assessore alla Pubblica Istruzione Teresa Giammarino – siamo molto soddisfatti nel verificare che le entrate sono costanti e consistenti, che offrono un servizio che prima non c’era e consentono risparmi sia all’Ente, sia alle famiglie, che pagano solo i pasti effettivamente consumati, variando in qualsiasi momento con un clic dati, presenza e menu. Dal nulla siamo riusciti a creare un contatto diretto con il cittadino in modo smart e agile”.

 

“L’App è presente il 160 comuni italiani, fra cui Milano e Bologna, Chieti è stato il primo in Abruzzo e al momento dallo zero iniziale sono circa 50 le domande totalmente dematerializzate, che hanno consentito una movimentazione da 9.000 a 13.000 istanze transitate e gestite dall’Ente – così Maurizio Abbate e Antonio Velino, di Smart PA – tutto ciò genera un flusso di comunicazione continua tramite sms, notifiche push ed email. Parliamo di uno strumento molto semplice con un potenziale altissimo, perché la piattaforma è qualificata in cloud su marketplace Agid e può essere ampliata senza mai fermarsi. Abbiamo introdotto la ricevuta per la detrazione del servizio mensa l’8 maggio e pienamente nei tempi. L’app è in grado di interoperare con i canali INPS anche per l’ISEE ricevendolo direttamente. Il supporto della transizione al digitale ha consentito di comprendere la maturità dell’ente per orientare delle strategie”

 

“Una rivoluzione vera e propria – conclude Andrea Lannutti, dirigente del Settore – con l’auspicio che in breve tempo riusciremo a digitalizzare tutti i procedimenti interni del Comune, in modo che tutto ciò che viene ancora fatto in modo arcaico in via cartacea e crea ritardo e poco controllo amministrativo, attraverso la piattaforma che stiamo sviluppando diventerà più agevole. Abbiamo cominciato con i buoni, passando poi ai tributi, per gli sgravi sulla Tari che già da due anni eroghiamo grazie ai ristori Covid, stiamo sperimentando sui servizi cimiteriali per arrivare a un sistema veramente integrato che possa inglobare anche gli altri tributi in condivisione con chi gestisce il servizio in un’unica piattaforma. Tutto questo è stato possibile grazie ai 771.731 euro di fondi PNRR che abbiamo intercettato e che hanno riguardato diversi voucher: servizi al cittadino (app e portale); Spid e CIE; adozione dell’App IO; abilitazione al cloud per la rendicontazione delle spese al 2020 e nuovo gestionale”.