giovedì 10 novembre 2016

Matteo Renzi a Pescara: "Da quelli del No nessuna idea sulla riforma"

"D'Alema e Grillo non li vedo insieme nelle istituzioni. Li tiene insieme l'essere contro". Così oggi il premier Matteo Renzi in un passaggio dell'intervista di Luca Sofri organizzata a Pescara in uno degli eventi che caratterizzano la visita del presidente del Consiglio nel capoluogo adriatico.

"Io ho un metodo diverso: dico sempre quello che voglio fare, quale è la mia idea migliore - ha spiegato ancora Renzi - sono queste le differenze dei due schieramenti referendari: il Sì ha un'idea di Paese che può anche non piacere o essere antipatica, il No non ha un'idea condivisa su come riformare l'Italia". Per Renzi, "neanche la De Filippi avrebbe centrato il miracolo di mettere insieme D'Alema, Grillo e Berlusconi, come li ha uniti l'essere contro". "Credo che si debba sempre dire cosa si vuole fare e non dire no senza indicare un'alternativa", ha concluso il premier.

RYANAIR E L'AEROPORTO - "Il problema di Ryanair lo abbiamo risolto perché se non consentiamo alla rete degli aeroporti cosiddetti minori di sopravvivere stiamo condannando il territorio al declino", ha dichiarato, invece, all'Aurum Renzi a proposito della decisione del governo di bloccare gli aumenti sulla tassa d'imbarco dopo la decisione di Ryanair di dare l'addio ad alcuni scali, tra cui quello abruzzese.


IL LAVORO - Poi una battuta sull'occupazione: "L'unico modo per far smettere la fuga dei cervelli non è creare lavoro finto in Italia, ma creare delle intelligenze, dei luoghi di condivisione e diffusione del sapere a cui le aziende possano collegare una serie di investimenti che creano occupazione. Non c'è altra soluzione". Il presidente del consiglio ha sottolineato il "ruolo fondamentale delle università" perché "è il capitale umano che farà la differenza nei prossimi anni".

LA CONTESTAZIONE - Non sono però mancate le contestazioni: un migliaio di persone ha partecipato alla contro-manifestazione contro le politiche del Governo nazionale promossa da associazioni e comitati in concomitanza con le iniziative che avevano Renzi come protagonista. Un lunghissimo e rumoroso corteo ha sfilato per le vie del centro della città, tra fischi, striscioni, cori e slogan. Gli attivisti hanno criticato i manifesti 'abusivi' per il 'Sì' apparsi a Pescara prima della visita del presidente del consiglio e continuano a contestare la circolare dell'ufficio scolastico regionale che invitava le scuole a prendere parte all'iniziativa con Renzi al teatro Circus. "Non andiamo a fare la claque a Renzi - hanno affermato a gran voce - Non siamo i lacchè di nessuno". E ancora: "Siamo tutti antifascisti". Hanno aderito decine di soggetti, tra cui M5S, Rifondazione comunista, Forum H2o, oltre ad associazioni, comitati e semplici cittadini.

Nessun commento: